stemma FSMI

Figli di Santa Maria Immacolata

Maestro e Padre

   Il Servo di Dio Giuseppe Frassinetti, è uno dei numerosi apostoli che, “summa cum laude”, supera brillantemente l’esame dell’amore, cui Gesú lo sottopose e che equivale alla donazione totale di se stesso alla Chiesa di Dio, ottenendo a pieno titolo il brevetto di Padre e Maestro per pascere, educare, guidare, istruire i suoi “figli-discepoli”.    Egli insegna in nome di Gesú e mai a titolo personale. Ne sono fulgida prova l’esemplare obbedienza, l’umile sottomissione e il deferente ossequio al Sommo Pontefice e al suo Arcivescovo. Solamente da loro, infatti, ricevette il sublime mandato di sedere in “cattedra”; a essi sottopose i suoi scritti e i suoi insegnamenti per ottenerne l’approvazione, agendo con loro sempre in piena sintonia.

   Il Decreto Pontificio del riconoscimento delle virtú eroiche (che lo dichiarava “Venerabile”), tra le altre note relative all’eminente santità del Sacerdote genovese, mette in risalto proprio la sua duplice caratteristica di Padre e di Maestro. Egli, come si addice a un vero pastore che vuole essere Padre e Maestro, condivide con i suoi figli gioie e dolori e distribuisce loro i doni della divina grazia, esorta i buoni perché diventino migliori e aiuta i tiepidi a ravvivare la fede, spinge i peccatori a tornare sul retto sentiero e induce le anime consacrate a dare testimonianza di fedeltà al Vangelo.

   È il vero Padre-Maestro che sale in cattedra. La parrocchia è la sua aula e l’altare la sua cattedra. Prolunga il suo insegnamento con l’adorazione a Gesú Sacramentato, con l’assiduità al confessionale e con i colloqui di direzione spirituale.

   Tutta la sua esistenza - eccelsa per virtú, per esemplarità, per santità, per amore, per fedeltà al dovere, per adesione allo spirito del Vangelo, per dedizione e totale donazione di sé al gregge a lui affidato da Dio e dai suoi superiori - è per noi la migliore definizione del Frassinetti:Padre e Maestro.

Condividi su Facebook